Guida Alle Elezioni Politiche

A poche ore dall’apertura dei seggi, ecco una breve lista di tutti i partiti politici che si presentano alle elezioni.
La guida, stilata in modo semplice ma rigoroso, va incontro a tutti quei cittadini elettori che non hanno ancora deciso a chi affidare la loro preferenza.
Il post è stato scritto con la determinante collaborazione di Cozlamù.

Aborto? No Grazie: Se l’aborto avesse avuto maggiore diffusione, probabilmente non saresti qui. Il voto glielo devi.

Autonomia Sud: Partito fondato dai lavoratori dell’Anas sulla Salerno-Reggio Calabria. Promuove l’interruzione dei lavori assieme alla progressiva distruzione di tutti gli altri collegamenti con il nord. Un’incisione rupestre rinvenuta sul bivio di Sicignano così recita: “cchiù pochi ne simm’, cchiù belli parimm’”. Esperti archeologi tentano da anni di decifrarne l’oscuro significato. [*]

Forza Nuova: E’ un simpatico e scanzonato movimento culturale, ora organizzato in partito politico, che chiama a raccolta i cinquantenni sovrappeso, appassionati di Guerre Stellari. “Eia eia Jabba the Hutt” è il motto di questi nostalgici della fantascienza. [*]

Grilli Parlanti: Questo partito candida alle elezioni quasi tutti i protagonisti delle favole per bambini. C’è Pinocchio, Biancaneve, La Bella addormentata nel bosco, la Strega cattiva, il gatto, il topo, l’elefante, non manca più nessuno, solo non si vedono i due leocorni. Capolista al Senato il Mago Zurlì.

Italia dei Valori: La nostra banca è differente. [*]

La Destra: Movimento politico che non ha bisogno di presentazioni. Da sempre indica, nei locali pubblici, l’esatta ubicazione dei cessi. [*]

Lega Nord: Capeggiata dall’inossidabile Thor e fallita l’annessione alla Groenlandia, la Lega Nord propone l’uso del territorio meridionale per la coltivazione intensiva del cotone. [*]

Movimento Europeo Diversamente Abili: Associazione politica di nuova costituzione, nata con il dichiarato intento di truffare L’Inail.

Partito Comunista dei Lavoratori: Partito di grande tradizione, raccoglie al suo interno gli operai superstiti della Tissen Krup, manda corone di fiori alle vedove e regala lecca lecca agli orfanelli. Al grido di “lavoratori a tempo indeterminato unitevi”, rischia di non superare la soglia dello 0,1% di consensi a causa dell’ormai prossima estinzione di questa categoria. [*]

Partito Democratico: Poliedrico schieramento politico che concorre contemporaneamente per le elezioni italiane, la Casa Bianca, il Palio di Siena, il Gran Premio del Giappone e Miss California. [*]

Partito Liberale Italiano: Un partito dal così scarso potere politico che hanno deciso di presentare un programma di governo solo per l’Italia in miniatura. [*]

Partito Socialista Italiano: Nasce con il preciso intento di ricalcare i successi del suo omologo spagnolo. Per aspirare a tale impresa, ogni candidato è obbligato a parlare catalano, a bere sangria e a suonare le nacchere. Candidato premier Julio Iglesias. [*]

Per il Bene Comune: Formazione complessa. Riunisce al suo interno la corrente di pensiero del “Massimo Comune Denominatore” e quella del “Minimo Comune Multiplo”. Difficilmente riuscirà ad ottenere seggi in Parlamento, data la necessità per il cittadino che volesse votarla, di risolvere un’equazione di secondo grado a 3 incognite. [*]

Popolo delle Libertà: Nuova formazione politica che trae ispirazione e guida dal famoso motto della Repubblica francese: “Liberté, Égalité, Mediasét”. Data l’ampia gamma di significati del termine libertà, il partito si promuove di affermare principalmente il proprio, a personale uso e consumo. [*]

Sinistra Arcobaleno: Non hanno idee politiche rivoluzionarie, ma sono elegantissimi nei loro maglioni griffati Missoni. [*]

Sinistra Critica: Forte del motto “non sappia la tua destra ciò che fa la tua sinistra”, è un partito perennemente contrariato, ad ispirazione lunatica. Gemelli ascendente bilancia. Punta il dito indice quando è in vena, altrimenti alza il medio. [*]

Unione Democratica dei Consumatori: Nuovo soggetto politico creato dai concorrenti del Grande Fratello. Stanchi di patire la fame, si propongono di eliminare le sfide settimanali per consentire l’acquisto di generi alimentari di prima necessità; come ad esempio: i sott’olio Saclà e i quattro salti in padella Findus. Le preferenze si potranno esprimere soltanto tramite televoto. [*]

Unione di Centro: Sono favorevoli all’abrogazione della Legge Merlin e alla riapertura immediata delle case chiuse. Casini Santo subito! [*]

À La Guerre Comme À La Guerre

Ufficializzate le cifre della gloriosa campagna irachena.
Sono 4mila i militari caduti nel nobile tentativo di esportare la democrazia.
Non è molto salutare, operare nel mercato dell’import-export.

Molto più alte le cifre riguardanti le vittime civili irachene.
Non esistono numeri ufficiali ma secondo stime autorevoli, i morti oscillerebbero tra le 82mila ed oltre il milione di unità.
Secondo la questura, una dozzina.

Rigetto organico.
Per tentare un parallelo medico, è come se nel tentativo di impiantare un cuore nuovo ad un cardiopatico, perdessero la vita: il paziente, tutta l’equipe medica ed un terzo dei degenti del reparto.
Riuscito!

Telecomando

Ultimamente mi addormento sempre davanti alla tivvù.
Mi immergo in poltrona e pian piano sprofondo in letargo.
Anche l’altra sera, mentre guardavo una tribuna politica, mi sono appisolato sul più bello e quando ha iniziato a parlare Berlusconi, nel sonno, ho cambiato canale.

Saldi

Dietrofront di Berlusconi sugl’effetti della nascita del nuovo Partito del Popolo della Libertà (Partito della Libertà, Popolo della Libertà; le indagini di mercato per testare il gradimento, sono ancora in corso).

La nuova creatura non determinerà come annunciato in un primo momento, la fine del partito Forza Italia, ma lo ingloberà in una rete di coordinamento.

Pare che il solerte Bondi abbia fatto notare al suo duce, che i magazzini delle circoscrizioni sono ancora pieni di manifesti e bandierine da smaltire, quindi Forza Italia rimarrà aperto.
Fino ad esaurimento scorte.

L’Esorciccio

Su consiglio del parroco di Splinder, non ho volutamente aggiornato il blog per più di due settimane.
L’ho fatto disinfestare dalla presenza del maligno.
Pare (certo) che leggendo i miei post al contrario, apparisse il prossimo programma di Governo del Partito del Popolo della Libertà.

Star Wars

E’ stato diffuso il testo del discorso che G.W.Bush terrà al summit in Germania.
Il presidente statunitense, tenterà di convincere i suoi alleati, che la responsabilità del surriscaldamento terrestre è da attribuirsi esclusivamente alla fine della guerra fredda.

Recital

Pare che finalmente anche il nostro bel paese si degni di munirsi di uno straccio di legge che regoli il conflitto d’interessi. Il modello al quale si guarda è quello del blind trust statunitense: in soldoni chi accede a cariche pubbliche, deve affidare la gestione del suo patrimonio ad un consiglio direttivo che lo amministra per suo conto, ma in totale libertà di scelta.

Ovviamente l’annuncio di tale disegno ha suscitato le disinteressate critiche dell’ex primo ministro, al quale l’idea di dover affidare la gestione delle sue aziende a qualcuno che non gli è parente, neanche di secondo grado, gli ha fatto rizzare tutti i sint-capelli.
“E’ un’azione di killeraggio politico!”, ha tuonato.

In realtà proprio il modello di riferimento scelto dimostra quanto poco si sia pensato al suo caso specifico, se non forse per proteggerlo. Infatti il blind trust si rivela efficace solo parzialmente nel caso di mass-media poiché se il padrone nulla sa della gestione, i dipendenti conoscono benissimo chi è il padrone e non disdegnano qualche favore mediatico.

La sensazione è che si stia recitando una scenetta preparata a tavolino, dove gli uni fanno finta di fare una legge seria e gli altri fanno finta di prendersela a male.

Nonostante lo sdegno però anche noi abbiamo un cuore, e impietositi dalla lagna del Silvio furioso, questo blog ha deciso di offrirsi perché gli venga affidata la gestione di una parte del suo patrimonio: questa.