Focus

Volevo Essere Fassbinder si traveste da blog di servizio, dalla parte del consumatore e del semplice cittadino.
Oggi presentiamo un nuovo prodotto, uno degli ultimi ritrovati nel campo della tecnologia.
In pochi ne conoscono il reale funzionamento e questa guida (originale, giuro), potrà esservi certamente d’aiuto.
La lettura è consigliata a Pagly e a chi, in questo particolare periodo dell’anno, deve spesso fare i conti con la febbra.

Termometro Clinico a Mercurio

Avvertenze

Il termometro deve essere conservato a temperatura ambiente in luogo asciutto, lontano da fonti di calore ed al riparo dalla luce solare diretta.
Dopo l’utilizzo pulire e sanitanizzare con opportune soluzioni disinfettanti.
Conservare in luogo sicuro lontano dalla portata dei bambini.
Non lasciate mai solo il bambino durante la misurazione della temperatura.
Il termometro è in grado di rilevare la temperatura corporea da 35.5°C a 42°C.
Conservare le istruzioni.
In caso di rialzo della temperatura consultare un medico.

Modo D’uso

Togliere il termometro dalla custodia.
Assicurarsi che il termometro sia al di sotto dei 36°C
Inizio misurazione della temperatura.
Sotto l’ascella: posizionare il termometro con il bulbo al centro dell’incavo dell’ascella a contatto con la pelle.
Accostare il braccio in modo da sostenere il termometro, senza esercitare una pressione eccessiva.
Uso orale: Mettere la punta del termometro nella parte inferiore della bocca, sotto la lingua.
Introdurre il bulbo con molta delicatezza e orientare il termometro per agevolare la lettura.

Avvertenze in caso di rottura

Evitare il contatto.
Raccogliere con guanti di protezione in contenitori chiusi.
Tossico per inalazione o ingerimento.

Nella prossima puntata, la nascita del formaggino Mio.

42 pensieri su “Focus

  1. Sono partito con l’idea di scrivere che questo post era una merda, ma come dicevano gli skiantos: “non capite un cazzo, questa è avanguardia, pubblico di merda”.

    Sei troppo avanti secondo me.

    Devoto

    (Michele)

  2. …uhm…quando ero piccola mi divertivo a rompere il termometro per poi darmi da fare a rincorrere tutte le “palline” di mercurio per il pavimento di casa…a parte il fatto che questo potrebbe essere indicativo della mia “svegliaggine”…

    Cmq, da allora in casa mia ci sono solo termometri elettronici, che ti avvisano con un “bip-bip” quando hanno finito di misirare la temperatura…”bip-bip” che se hai la febbre e sei sveglia ti dà un fastidio atroce alla testa…”bip-bip” che se hai la febbre alta e sei rinco al massimo non senti manco per sbaglio e continui a chiederti “ok, potrò toglierlo?!Avrà suonato??! E se lo tolgo prima che abbia suonato???!”

  3. michele: La prima idea era quella giusta. questo e’ un post perplesso anche per il suo autore

    armig: le pallette di mercurio vanno mangiate, mi pare. anch’io ce l’ho quello elettronico ma suona prima ancora di averlo usato

    mumucs: un cebion

  4. Grazie Fass, grazie al corretto uso del termometro, sono guarita….

    ma ti confesso che ho uno di quei termometri digitali adesso…che lo posizioni correttamente sotto la fetidascella e lui quando non ne può più dice bip bip e si dimena…

    eh sì, anch’io come la cara Armig….giocavo con le palline di mercurio…

    mai avrei pensato che il veleno potesse camuffarsi così bene!!!!

  5. E il tempo minimo per avere una misurazione attendibile?

    Inoltre mi sembra che tu non abbia parlato della temperatura rettale…!

  6. chi è che da bambino provava la misurazione inguinale?

    Ho chiesto in giro ma sembra che i miei genitori riservassero questa pratica solo a me e ai miei fratelli; insomma per risparmiarmi quella anale e per evitare quella ascellare che risulta spesso difficoltosa anche agli adulti per tempi e metodi.

    Comunque chi da piccolo non è impazzito per quelle cavolo di palline…ora con la scusa che il mercurio è tossico;) vogliono togliere dal commercio i mitici termometri in vetro…POTEVANO DIRLO PRIMA, PER TUTTI I BAMBINI CHE LE PALLINE SE LE MANGIAVANO!;)

  7. strano come gesto oramai talmente istintivi,quanto semplici da compiere(oddio,qualcuno che non riesce ad abbassare il livello sotto i 36 gradi lho conosciuto..)contengano una serie infinita di istruzioni,restrizioni,che inevitabilmente appaiono inutili..

    un pò come i consigli che trovi su donna moderna su come soddisfare al meglio il tuo uomo..

    oramai certi attrezzi abbiamo imparato ad usarli :D

  8. Io continuo a rileggere: sono certo che tra le righe sia nascosto un messaggio subliminale di probabile ispirazione bolscevica.

    Comunque michele sottoscrivo quanto detto da Fass: la prima idea era quella buona, ma ciò non toglie che quello di questo blog sia un pubblico di merda…e pensandoci bene, anche l’avanguardia è merda.

  9. io voto favore del caro e vecchio termometro…anche se non era una votazione, fa niente…e anche se da piccola sono riuscita a romperne solo uno e quindi ho provato la magnifica esperienza di rincorrere le palline sul pavimento solo una volta…fra le urla di mia madre…”Svampitaaaaaa!!!”

    Mataego

  10. Per venirti incontro, ieri ho mangiato un formaggino mio mentre vedevo chivuolessermilionario…

    ma se non erro l’invernizzi è mas antiquo!

  11. Complimenti. Il tuo blog è divertente ma allo stesso tempo acuto. Sottilmente ironico e ancora per questo ancora piu’ efficace e diretto…

  12. Fantastico, mi piace questa conflittualità interna al blogger, e malcelata, e ancor di più diffondere indisturbato la ricetta dell’uovo al padellino tra le genti.

  13. Si dottore … si… no, non ancora a 38, no. …Si sudo … eh… no no dormo male. Si, non ho appetito. Arance, solo le arance. Come ha detto? Para che? Mi faccia lo spelling: P A R A C E T A M O L O? Si, ho capito. Insomma la cosa, come si chiama … la pirina? EH? ah si … la tachipirina. Perfetto, grazie, grazie tante. Si, bene … la saluto. EH speriamo!

    Arrivederla

    (click)

  14. TI ho tirato dentro ad una specie di catena..un giuoco..un sollazzo

    Ma sembra quasi fatto per diffondere un po’ di cultura libraria.

    Spero che parteciperai.

    Passa dal mio Blog.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>