La Notte

Notte.
Sono le quattro.
Primi pensieri: ho fame, devo pisciare.
Sensazione d’appagamento e di inquietudine.
Tutto buio, in casa e fuori.
Festival di sveglie, bimbi urlanti, genitori in ritardo, notizie flash del tg5, esploderanno di colpo solo tra qualche ora.
Adesso è pace, pare.

Accendo la prima sigaretta del giorno o l’ultima della notte.
Ho dormito? Se si, quanto?
Ma soprattutto, perché?
Anche stavolta mi sono addormentato tutto vestito.
Amo le cose vissute.
La bellezza di una maglia “storta” non ha eguali.
Certo cambiarsi le mutande di tanto in tanto aiuterebbe.
Devo capire perché, le cose a cui voglio più bene, sono stranamente tutte accomunate da una macchia di sugo.
Dovrebbero essere così anche gli esseri umani.
Affettuosi e al sugo.

Le storie finiscono 10 secondi dopo essere venuti.
Mentre lo penso mi sento ipocrita, ma solo di pomeriggio, non adesso.
Ne ho voglia e lo preparo.
Ho due macchinette per fare il caffè e sono entrambe da una “tazza”.
La solitudine si coglie nelle sfumature.

Mi viene in mente, sai quei programmi in tibbux?
Si, quelli dove tu passeggi e qualcuno ti minaccia con un microfono e ti chiede di rispondere a domande senza senso.
Si lo so che non passeggio, non lo faccio dal ’56, era per dire.
“Buongiorno oggi siamo a Bergamo e chiediamo alla gente se preferette il presepe o l’albero di Natale”.
Ecco io a volte mi sento così, come uno di Bergamo a cui fanno domande sceme. Preferette.

Della mia vita non faccio bilanci, ho smesso di avere l’ansia di condividere per forza le cose e se proprio devo pensare alla morte, beh, sarà il medico legale che tirerà le somme.

79 pensieri su “La Notte

  1. “Le storie finiscono 10 secondi dopo essere venuti”

    Ti correggo: per le donne le storie finiscono 6 mesi dopo che non sono ancora riuscite a venire XD

  2. Quando il sole tramonta non vedi nulla di quel che ti circonda.

    Allora decidi di dare un’occhiata in te stesso, perchè in quel momento non c’è differenza tra il buio che c’è fuori e l’oscurità che ti porti dentro.

  3. …cavolo Fass, tu fumi, io neanche quello e allora alle quattro mi accendo il pc, la tele e guardo, leggo…e rido: sei divertentissimo e… intelligente, bravo!!

    un abbraccio franca

  4. “Devo capire perche’, le cose a cui voglio piu’ bene, sono stranamente tutte accomunate da una macchia di sugo.

    Dovrebbero essere cosi’ anche gli esseri umani.

    Affettuosi e al sugo.”

    sono d’accordo con te …io mi sento perseguitato da un odore di sugo

  5. la solitudine spesso si fa sentire nei momenti meno indicati…ha un sapore amaro…come il caffè…ma in fin dei conti siamo noi a cercarla…come un caffè alle 4 del mattino…

    …ok,ok vado a letto perkè mi sa che di cazzate oggi ne ho sparate abbastanza…buonanotte Fass,un bacio…

  6. …a me il natale fa venire l’ansia…divento malinconica…per non parlare adesso che sono anche single dopo anni di natali in famiglia…e vabbe’ Fass…che dobbiamo fare?…e poi tu dovresti smetterla con questi orari super scombinati…non puoi svegliarti sempre all’una di notte e fare colazione…non e’ proprio normale!!!!

  7. il medico legale dici è… mi sembra una pretesa un po’ troppo azzardata, nn credi? cmq se vuoi ho un amico, in cambio di pecunia sarebbe in grado di esaudire il tuo desiderio inconscio… a buon intenditor…

  8. Eh si, io ogni tanto ci penso e vorrei fosse una scena comica…per lasciare anche alla fine un sorriso … avevo pensato di farmi tatuare sul petto il classico simbolo della mano col medio alzato e sotto farci scrivere e adesso sono tutti cazzi vostri bye bye…… Sei sempre un grande baci raf

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>