Angoli e Angeli

Se trovate difficile o impossibile scrivere una poesia, fate come me.
Prendete quel vostro vecchio libro di trigonometria del liceo, scovate qualche teorema e trasformatelo in forma poetica.

Suggerimento:
Ogni volta che trovate la parola “angolo” , cambiatela in “angelo”.

Esempio:
Io ti complemento, angelo e ti definisco immensamente.
Io sono il tuo angelo adiacente.
Tu sei il mio coseno.
Io ti definisco fattorialmente.
Io sono la curva generata dal movimento del tuo vertice.
Oh, Angelo acuto.

101 pensieri su “Angoli e Angeli

  1. ma se la geometria può diventar poesia,la poesia può essere il tracciato geometrico dei sentimenti?!

    ullalà..sta domanda o è veram una cagata opp ogni tanto penso cose originali:D

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>